cronaca

Domani scuole aperte in quasi tutto il territorio

 

Intensa attività dei tecnici della Provincia di Pesaro e Urbino, che fin dalla prima mattinata di oggi sono stati impegnati in sopralluoghi nelle scuole superiori del territorio provinciale (19 istituti, articolati in 35 sedi) e lungo le strade provinciali per accertare eventuali danni causati dal terremoto di mercoledì.

Per quanto riguarda le scuole, non si riscontrano particolari problemi. Qualche lesione che richiede ulteriori approfondimenti si è verificata nella succursale del liceo artistico “Scuola del libro” di Urbino, in via Bramante, dove sono situati due laboratori e segreterie, mentre nell’istituto “Donati” di Fossombrone si è staccato un pezzo di intonaco nella sala professori, che è stata chiusa. Sono in corso sopralluoghi all’istituto Agrario “Cecchi” e all’alberghiero “Santa Marta”.

Sul versante strade, unica criticità è stata riscontrata sulla “Flaminia” nel centro abitato di Fossombrone, davanti alla “Casa Museo – Quadreria Cesarini”, dove si è verificato un aggravamento dei cedimenti già esistenti, che richiede ulteriori verifiche. La situazione è stata segnalata al Comune chiedendo di accertare se ci sono stati cedimenti anomali delle strutture sottostanti la strada (fognature, acquedotti e in generale reti di distribuzione acqua).

Un ringraziamento è stato rivolto dal presidente della Provincia Daniele Tagliolini e dal direttore generale Marco Domenicucci ai sindaci e tecnici dei Comuni del territorio provinciale, in particolare delle aree interne, che hanno collaborato attivamente alle verifiche sugli edifici scolastici situati nei propri comuni.

 

Domani scuole aperte quindi in quasi tutto il territorio della provincia di Pesaro e Urbino tranne che a Pergola dove gli amministratore hanno pubblicato la seguente nota:

PERGOLA: EMERGENZA TERREMOTO: PROROGA DELLA CHIUSURA DELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO SUL TERRITORIO COMUNALE
Dai sopralluoghi eseguiti quest’oggi da Sindaco e Assessori, insieme ai tecnici comunali, è stato verificato che le strutture scolastiche di proprietà comunale non hanno subito alcun danno dalle recenti scosse telluriche.
 Ad ogni modo, visto lo sciame sismico che sta proseguendo senza interruzioni e a scopo precauzionale onde evitare concentrazioni di bambini e ragazzi in uniche strutture, il Sindaco di Pergola, in conformità con le decisioni adottate dai Sindaci dei vicini comuni di Sassoferrato e Fabriano coi quali si è tenuto in contatto e confrontato, ha deciso di prorogare la chiusura delle scuole sino ad ulteriori disposizioni.

 Vediamo le situazioni nel dettaglio attraverso le comunicazioni ufficiali che i comuni ci hanno inviato:

 

PESARO – «Ieri sera, a scopo precauzionale, insieme agli altri sindaci  del nord delle Marche abbiamo preso l’orientamento di tenere chiuse le scuole per fare le verifiche necessarie sugli edifici.

C’era comunque fiducia, considerando che a Vigili del fuoco e Centro operativo non erano arrivate segnalazioni di problematiche rispetto alle case private. Ora si stanno concludendo i controlli, al momento non ci sono problemi su nessuna struttura. Aspettiamo la conclusione dei riscontri, poi faremo la revoca ufficiale tra qualche ora.

Ma possiamo già dire che domattina le scuole riapriranno». Lo ha detto il sindaco di Pesaro Matteo Ricci, nelle comunicazioni post terremoto con la stampa. «Sono rientrate le preoccupazioni sul campanile della chiesa di Candelara – ha evidenziato -. L’unica criticità riscontrata riguarda la chiesa di San Giovanni, sulla quale ci sarà una prima fase di transennamento per la messa in sicurezza.

Poi cercheremo di intervenire: vi terremo informati». Ha aggiunto il sindaco: «Sono ore di grande preoccupazione: il fenomeno crea uno stato d’animo particolare anche a realtà come la nostra che, per fortuna, per la seconda volta nel giro di qualche mese non ha registrato danni. Siamo vicini ai Comuni colpiti: i crolli sono stati notevoli, così come i danni in un’area, peraltro, molto più ampia rispetto a quella del sisma di agosto. Continueremo a fare tutto il possibile per dare una mano.

 

Urbino – Domani (venerdì 28 ottobre) le scuole di ogni ordine e grado del territorio comunale saranno regolarmente aperte.

Dopo le scosse sismiche di mercoledì sera, stamattina i tecnici comunali hanno effettuato le verifiche necessarie per registrare eventuali danneggiamenti o situazioni di pericolo negli edifici scolastici comunali e nei principali edifici pubblici, come il Municipio, Collegio Raffaello e Palazzo Odasi.

Dai controlli effettuati non sono emersi problemi di particolare rilievo, soltanto alcune crepe superficiali sono state rilevate sugli intonaci interni di alcuni edifici pubblici ma non presentano pericolo per la sicurezza delle persone. Domani mattina le squadre di tecnici completeranno i sopralluoghi nel resto degli edifici pubblici.

L’ascensore di Borgo Mercatale è rimasto chiuso nella mattinata fino al primo pomeriggio, quando è stato effettuato il sopralluogo di verifica del tecnico specializzato, che ha constatato la regolare funzionalità e sicurezza dell’impianto.

Il sindaco, Maurizio Gambini, in queste ore è sempre rimasto in contatto con le forze dell’ordine e gli altri sindaci del territorio per coordinare la gestione della sicurezza dei cittadini.

«Ringrazio di cuore – commenta –  tutti coloro che nella notte di giovedì si sono adoperati per accogliere le tante persone, soprattutto giovani studenti fuori sede, che hanno deciso di passare la notte al Palazzetto dello Sport in via precauzionale. A nome dell’Amministrazione ringrazio gli operatori della Croce Rossa che hanno fornito assistenza, cibo e acqua, la Protezione Civile, le forze dell’ordine, la Polizia Municipale, gli operai comunali che hanno sorvegliato la struttura per tutta la notte, gli studenti di Agorà e Adriabus per la loro preziosa collaborazione. La paura è stata tanta, ma stamattina i tecnici si sono messi subito al lavoro per i sopralluoghi necessari e dalle verifiche non hanno registrato nessuna situazione di pericolo. Cerchiamo insieme di tornare alla normalità».

 

DOMANI SCUOLE APERTE A VALLEFOGLIA

A seguito delle verifiche effettuate questa mattina in tutti gli edifici scolastici del Comune di Vallefoglia, è stata emanata l’ordinanza di revoca della chiusura delle scuole del territorio comunale. Pertanto da domani 28 ottobre le scuole riprenderanno il normale funzionamento.

CARTOCETO

Visto l’esito dei sopralluoghi effettuati nella giornata odierna su tutti i plessi scolastici, a seguito delle scosse sismiche del 26 ottobre e della replica del 27 ottobre, comunico che non sono state rinvenute particolari situazioni, né danneggiamenti, che possano denotare pericoli di crollo. 
Domani 28 ottobre dunque, su tutto il territorio del comune di Cartoceto, riprenderà la regolare attività scolastica. 
Ad ogni modo, nell’eventualità non auspicabile di ulteriori episodi sismici anche nei prossimi giorni, continuerà il monitoraggio delle condizioni delle varie strutture scolastiche.

Previous post

Urbino, dopo la scossa di terremoto verifiche in corso Per il momento non sono stati riscontrati problemi

Next post

Provincia, istituti superiori chiusi lunedì 31, nuovi sopralluoghi su scuole e strade

M

M

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.