News

Sicurezza nell’Unione Montana: un nuovo sistema di videosorveglianza per auto rubate e non in regola

URBANIA- VENERDI 31 – Presso la sede dell’Unione Montana Alta Valle del Metauro, si è tenuta la Conferenza Stampa di presentazione del Progetto di Videosorveglianza evoluto per la sicurezza del territorio, con la presenza del Comando dei Carabinieri di Urbino, della Giunta dell’Unione Montana e del Consigliere Delegato Sindaco di Fermignano Emanuele Feduzi.

Il progetto, che è già stato approvato in data 7 agosto dal Comitato Provinciale Sicurezza della Questura, è stato illustrato dal Presidente dell’Unione Montana Fernanda Sacchi e verrà realizzato grazie alla proficua collaborazione con la Polizia di Stato di Urbino, il Comando dei Carabinieri di Urbino, la Polizia Locale del Comune di Urbino, la Polizia locale associata Alto Metauro e i Comuni interessati, che hanno fortemente contribuito anche alla predisposizione del progetto stesso.

Trattasi di un sistema di videosorveglianza evoluto a tutela e controllo del territorio, con l’adozione sia di telecamere di contesto che di telecamere dedicate alla lettura targhe.
Il costo complessivo è di circa 260mila euro, stanziati interamente dall’Unione Montana.
Si prevede la messa in funzione del Sistema entro l’anno.

La presidente ha affermato che “tra gli obbiettivi primari di questo Ente vi è quello di perseguire la sicurezza dei cittadini, la salvaguardia degli spazi pubblici, di preservare il patrimonio comunale da qualsiasi atto vandalico, nonché implementare il servizio di vigilanza territoriale e pertanto è stato previsto questo progetto che prevede l’installazione di telecamere dedicate ad un controllo di tipo ambientale e dell’installazione di ulteriori telecamere dedicate alla lettura targhe per il raggiungimento di tali obiettivi”. Continua la presidente “si prevede di realizzare una centrale operativa di videosorveglianza presso tutte le Forze dell’Ordine territoriali. Le nuove apparecchiature, da installare nei siti già individuati dalle stesse Forze dell’ordine e ulteriormente implementabili, daranno maggiore sicurezza ai cittadini in quanto con appositi software, saranno in grado di individuare e riconoscere perfettamente coloro che commettono eventuali e particolari reati. Altre telecamere saranno installate sulle vie di comunicazione che confinano con le città del circondario, per avere un monitoraggio del transito in entrata e uscita dalla città e saranno utilizzate avanzate infrastrutture territoriali di connessione quali maglie e reti wireless, al fine di ridurre le opere di scavo sul manto stradale”.

Previous post

Terremoto nel Pesarese, magnitudo 3,5 per ora non si registrano danni

Next post

Ricci guida la mobilitazione contro il blocco al Bando periferie

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *