sanità

Sanità, la risposta di Art.32 al Sindaco Aguzzi

LA FONDAZIONE ART. 32 ETS E’ UN PATRIMONIO DELLA COMUNITÀ E SOLO A LEI DEVE RISPONDERE

La Fondazione Art. 32 ETS nasce per contribuire a risolvere le esigenze dei cittadini e deve rispondere alla comunità. Mai risponderà a logiche di controllo e gestione da parte di forze politiche, di amministratori singoli e amministrazioni pubbliche; di quest’ultime esistono fin troppi esempi nel nostro paese.
E’, quindi con sorpresa e rammarico che prendiamo atto della decisione del Sindaco di Colli al Metauro Stefano Aguzzi di non aderire alla Fondazione Art. 32 ETS.
Sorpresa e rammarico che derivano, da un lato, dal fatto che solo pochi giorni fa il Sindaco Aguzzi aveva annunciato a mezzo stampa l’adesione di Colli al Metauro e, dall’altro lato, dalle ragioni oggi addotte a giustificazione dell’odierna decisione di non partecipare più alla Fondazione.
Spiace, in particolare, la circostanza che dopo due mesi di discussione pubblica, di confronto e di riunioni (non ultima la riunione di lunedì 24 settembre richiesta proprio dal Sindaco Aguzzi e da questi disertata), dopo diverse revisioni che hanno accolto solo pochi giorni fa osservazioni pervenute dai Comuni Fondatori – comprese le segnalazioni del Sindaco di Colli al Metauro – solo a ridosso delle riunioni dei Consigli Comunali di discussione ed eventuale approvazione dello statuto definitivo della Fondazione, l’ex Sindaco della terza città delle Marche si sia accorto della presenza di pretese lacune all’interno di quest’ultimo, legate a controllo e governance della Fondazione stessa.
Tuttavia, pur permanendo l’amarezza per l’occasione perduta, almeno per ora, da parte del Comune di Colli al Metauro di contribuire concretamente e senza strumentalizzazioni al mantenimento e alla integrazione dei servizi sanitari nel nostro territorio, rispettiamo la decisione del Sindaco di Colli al Metauro in quanto rappresentante dell’istituzione ed espressione della comunità che l’ha eletto.
Procederemo, con coerenza e deteminazione, nel percorso che insieme agli altri Comuni Fondatori ci porterà alla costituzione della Fondazione Art. 32 ETS, per dare un contributo serio alla soluzione delle liste d’attesa e dei problemi dei cittadini che appelli e motivazioni meramente ideologiche non mIgliorano.

Antonio Sebastianelli – Sindaco di Terre Roveresche
Alfredo Sadori – Impresa Sociale Cooperativa Art. 32 Onlus

Previous post

Sanità: "l'ingresso dei privati nella Fondazione è contro il mio impegno elettorale", Stefano Aguzzi primo cittadino di Colli al Metauro

Next post

Flash Drawing Tour, giovani artisti dalla Polonia disegnano Urbino, Fano e Pietrarubbia in mostra all'Oratorio San Giovanni

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.