sanità

Marche Nord: a Fano esperti a confronto su nuove terapie cura neoplasie polmonari e pneumopatie ostruttive

Pesaro, 29 mag – L’asma, la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e le più diffuse pneumopatie croniche ostruttive saranno al centro di un workshop patrocinato dalla società italiana di Pneumologia che si terrà a Fano nelle giornate del 30-31 maggio Al Tag Hotel.

“L’asma e la BPCO sono patologie associate ad un significativo impatto sulla qualità di vita del paziente – spiega Piero Candoli, Direttore UOC Pnumologia Marche Nord – come le neoplasie polmonari che oltre ad incidere sulla vita del paziente hanno un grande impatto socio-economico. Il meeting sarà l’occasione per fare il punto sulle numerose le novità in ambito di percorsi diagnostico-terapeutici che vedono costante la necessità di aggiornamento scientifico e coinvolgimento multidiscplinare nella gestione di tali patologie”.

Il congresso vedrà la partecipazione di numerosi fra i massimi esperti nazionali ed internazionali di patologie polmonari, rappresentanti delle varie competenze specialistiche coinvolte nella gestione clinica multidisciplinare dei pazienti. L’evento formativo è rivolto a oltre sessanta medici chirurghi specialisti in malattie dell’apparato respiratorio, radiologia, anatomia patologica, medicina interna, geriatria, allergologia, medicina generale, oncologia e infermieri.

Alla luce delle recenti innovazioni tecnologiche e terapeutiche (Target-Therapies), la gestione ottimale dei pazienti affetti da patologie ostruttive croniche e neoplastiche polmonari richiede l’adozione di pratiche cliniche ottimali, basate sulle evidenze scientifiche e sulle  linee guida disponibili. “L’obiettivo del Congresso – aggiunge Candoli – è quello di offrire ai partecipanti un “up-date” sulle novità diagnostico-terapeutiche riguardanti le patologie ostruttive e neoplastiche polmonari, condividendone i percorsi gestionali, allo scopo di migliorare le competenze nell’approccio a tali pazienti nella pratica clinica quotidiana, con conseguente miglioramento degli risultati”.

La Pneumologia Interventistica di Marche Nord è attualmente riconosciuta come centro di Formazione per L’Ecoendoscopia bronchiale (EBUS). Il centro ha recentemente partecipato a Studio Clinico MultiCentrico Europeo (che coinvolgeva Centri di riferimento Europeo e mondiali olandesi, italiani, spagnoli, russi…) sulla Elastosonografia,  che fornisce informazioni riguardo l’elasticità dei tessuti, nello studio del coinvolgimento linfonodale nel cancro del polmone e nelle patologie granulomatose (sarcoidosi). I dati di questa ricerca verranno presentati all’European Respiratory Society annual Meeting, il prossimo settembre.

La Pneumologia di Marche Nord è dedicata al trattamento di patologie respiratorie ostruttive (Ambulatori dedicati per Pneumopatie Interstiziali e Fibrosi Polmonare ed Asma Grave) ed allo studio della patologia Pleurica (Ambulatorio dedicato) e neoplastica polmonare; partecipazione attiva al Gruppo Integrato Multidisciplinare per le neoplasie polmonari con valutazione diagnostico-terapeutica di 250-300 nuovi casi/anno.

In allegato la foto di Piero Candoli, Direttore UOC Pnumologia Marche Nord e il depliant del workshop

Previous post

Un oro, due argenti e due bronzi, CUS Urbino ai Campionati Nazionali universitari

Next post

Coldiretti Marche, maggio anomalo, 100% del territorio a rischio frane e allagamenti

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.