Attualità

Pneumatici, CNA denuncia “rischiamo la ressa nelle officine” Chiesta proroga per il cambio estive/invernali  

Battisti: “Troppo vicina la scadenza del 15 novembre”

PESARO – Cambio gomme invernali obbligatorio entro il 15 novembre. Come se non ci fosse un’emergenza come quella del Covid. La CNA di Pesaro e Urbino, in accordo con quella nazionale, chiede immediatamente una proroga dei termini a causa della situazione dettata dall’emergenza sanitaria che mette in difficoltà non solo gommisti ed officine ma soprattutto i cittadini, costretti a limitare gli spostamenti a far fronte ad una situazione critica che potrebbe costringere molti a fare la fila per il cambio degli pneumatici.

Riccardo Battisti, responsabile di CNA Autoriparazione denuncia: “Se da una parte con l’ultimo Dpcm si raccomanda a tutti di limitare le attività e di restringerle alle sole situazioni di necessità, raccomandando fortemente di non spostarsi salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi (art.1 comma 3), dall’altra si mantiene fissa la scadenza perentoria per il montaggio delle gomme invernali (vedi circ. del MIT del 17 gennaio 2014)” Quanto previsto in materia di circolazione stradale durante il periodo invernale prescrive, infatti, che il rimontaggio di pneumatici invernali avvenga entro e non oltre il 15 novembre”.

Se il DPCM del 3 novembre 2020 consente la prosecuzione delle attività del commercio gomme in tutta Italia, secondo la CNA deve esser data la possibilità agli operatori del settore di poter rispettate tutte le prescrizioni governative tra cui, la più importante, che siano effettuati ingressi in modo dilazionato evitando alle persone di sostare nell’officina più del tempo necessario.

“Il cambio stagionale estivo/invernale avviene ancora una volta in condizioni di lavoro ben diverse dalla normalità che purtroppo condizionano i tempi per il montaggio e lo smontaggio delle gomme”. E Riccardo Battisti aggiunge “Appare evidente che le suddette condizioni di lavoro, soprattutto nelle aree ad alto rischio, non consentiranno di perfezionare il cambio gomme per tempo e, pertanto, la CNA, insieme ad Assogomma, Federpneus, AIRP e ANIASA, hanno firmato un documento unitario per richiedere alle Autorità competenti una limitata, eccezionale, ma indispensabile proroga dei termini.

Si tratta di una richiesta di buon senso visto che da qui a quindici giorni non sono previsti fenomeni atmosferici particolarmente nevosi”.

Previous post

La Regione Marche finanzia 1,2 milioni per la sistemazione delle strade di campagna danneggiate dall’alluvione del 2014

Next post

Buon compleanno Valeria Moriconi!

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.