Eventi

Desidero dunque Sogno. Dal 17 al 20 agosto torna Il Paese dei Balocchi, la festa che fa divertire i bambini e riflettere gli adulti

In Piazza Bambini del Mondo a Bellocchi, quattro serate di giochi, attività ludiche, laboratori e dibattiti. Tra le novità di quest’anno il Bellocchi Bus, Lucignolo Sparaballe e il rispetto sempre più maniacale per la natura che fa diventare la manifestazione una “Festa Sostenibile” a tutti gli effetti

Fano (PU), 7 agosto  2017 – Quattro serate per sognare. Quattro serate dove il “desiderio” è inteso come “voglia di…”, ci apre lo spazio immaginario delle possibilità e ci muove fisicamente, intellettualmente e psicologicamente verso un obiettivo.

A Bellocchi di Fano, in Piazza Bambini del mondo, sta per tornare Il Paese dei Balocchi (17-20 agosto), evento dedicato ai bambini e le famiglie che affronta ogni anno temi importanti e dall’elevato spessore sociale. Per la 14esima edizione, organizzata dall’omonima associazione con il patrocinio di Regione Marche, Provincia di Pesaro-Urbino, Comune di Fano e la collaborazione della Proloco Fanum Fortunae, è stato scelto come tema il “sogno” e tra divertimento, creatività e solidarietà, tante saranno le opportunità di addentrarsi in questa tematica che può avere una miriade di sfaccettature.

“Con il tema di quest’anno – spiega il presidente dell’associazione Il Paese dei Balocchi, Michele Brocchini – rafforziamo ancora di più un concetto che è sempre stato alla base della nostra attività: la forza del sognare insieme, la condivisione di progetti che partendo dalla dimensione delle idee, grazie alla cooperazione, possono realizzarsi a beneficio dei singoli e della comunità”.

A parlare di sogni e di ricerca di un mondo migliore è stato scelto quest’anno Silvestro Montanaro, giornalista che nella sua lunga carriera fatta di inchieste e scoop ha raccontato al mondo la storia di Thomas Sankara, leader del Burkina Faso assassinato proprio mentre stava inseguendo il suo sogno di un mondo privo di diversità e povertà. Montanaro racconterà la sua storia venerdì 18 agosto, prima di lui a salire sul palco centrale sarà Fabrizio Curcio, capo dipartimento della Protezione Civile che sarà insignito del titolo di cittadino onorario e parlerà, giovedì 17 agosto, di quello che rappresenta in Italia il movimento e l’importanza dei suoi volontari. Scelta storica questa de Il Paese dei Balocchi che per la prima volta in 14 anni ha deciso di istituire la cittadinanza onoraria e la scelta non è stata causale ma è ricaduta su un personaggio che è il “riassunto” di tutti i temi affrontanti fin qui dalla manifestazione e rappresenta quello che è il motore della kermesse, ovvero la cooperazione, il volontariato e l’unione d’intenti.

“I sogni dei bambini possono costruire il futuro – sottolinea il vicepresidente del consiglio regionale, Renato Claudio Minardi -. Un futuro fondato su valori comuni come la solidarietà, la cultura, il dialogo e l’amicizia. Un sogno che spetta a tutti noi realizzare, insieme, giorno dopo giorno, coltivando progetti e iniziative come questa. Il paese dei Balocchi si apre a un’edizione sempre più ricca nel programma e sempre più prestigiosa grazie alla presenza di due figure straordinarie: il Capo Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio e il giornalista Rai, Silvestro Montanaro. Complimenti agli organizzatori e ai volontari per un evento che ha il sostegno del Consiglio regionale delle Marche e che valorizza il ruolo dei più piccoli e la loro fantasia, indispensabile per sognare in grande”.

Comments

comments

Previous post

Notte delle Candele, annullato il concerto di Samuel dei Subsonica, ecco il programma completo

Next post

Anniversario Marcinelle, assessore Bravi: sul Lavoro non possiamo abbassare la guardia

No Comment

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>