Cultura

Anche Urbino nel “Gruppo Italiano Covid19 MS Coalition”

Lo scorso Aprile è nata la “COVID-19 Mass Spectrometry Coalition”, una rete mondiale a cui afferiscono oltre 500 laboratori di spettrometria di massa (MS), ovvero la più potente e diffusa tecnica analitica usata nella ricerca biomedica, la diagnostica e lo sviluppo di farmaci. I dettagli di questa International Action sono stati pubblicati il 27 maggio su The Lancet Online First (https://www.thelancet.com/journals/lancet/onlineFirst)

Tra questi laboratori, che afferiscono ai maggiori Centri di Ricerca e Università del mondo, c’è anche il “Gruppo Italiano COVID19 MS Coalition”, che vede attualmente impegnati 17 laboratori di diverse Università e Centri di Ricerca, tra cui l’Università di Urbino con il Laboratorio LC-MS del Dipartimento di Scienze Pure e Applicate il cui responsabile è il Prof. Achille Cappiello. Lo scopo della rete è supportare la ricerca sull’attuale pandemia (e altre future) mettendo in comune risorse, metodi e dati. Alcuni degli ambiti in cui la MS può generare informazioni di vitale importanza sono la composizione strutturale del virus, i biomarcatori di esposizione, il rilevamento di materiale virale direttamente da superfici e molti altri. 

Il gruppo Italiano è già operativo e sta scambiando idee e informazioni. Alcuni laboratori stanno già effettuando attività sperimentali sul COVID-19. Il Gruppo è immediatamente disponibile a collaborare con qualunque soggetto istituzionale che volesse interagire con i rispettivi laboratori e Istituti.

Previous post

Deposta una nuova corona in memoria dei caduti al monumento alla Resistenza

Next post

La Provincia organizza un incontro con i comuni per il Biodigestore, la maggior parte dei presenti indica Canavaccio come la più adatta

M

M

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.